Migranti, altro barcone in avaria: 100 persone a bordo

epa05165624 Refugees and migrants arrive by dinghy from Turkey to the coast of Mytilini , on the island of Lesvos, Greece, 17 February 2016. Around 1 million people, including many refugees from war zones in the Middle East and Central Asia, passed through Greece and along the Balkan route in 2015, most of them in the latter half of the year. EPA/ORESTIS PANAGIOTOU

Mentre ancora non si spegne l’eco delle polemiche relative alla morte dei 117 migranti, scomparsi nelle acque del Mediterraneo davanti alle coste libiche tra venerdì e sabato, un altro barcone con 100 persone a bordo è stato segnalato nella mattinata di domenica da Alarm Phone, il call center di volontari che raccoglie le chiamate di soccorso dei migranti, a 60 miglia al largo delle coste di Misurata, in Libia. Il natante, che inizialmente non aveva chiesto aiuto, sta imbarcando acqua con le persone nel panico. A bordo ci sarebbero dei morti, e un bimbo «incosciente o deceduto».

«Chiedevano di allertare le autorità: non quelle libiche»

Il sistema di allerta spiega che «tra le 11:40 e le 12:20» di questa mattina, «le persone hanno cominciato ad andare nel panico» perché l’imbarcazione stava imbarcando acqua. «Volevano che informassimo le autorità, ma non quelle libiche», continua Alarm Phone. «Alle 12:58 abbiamo chiamato la sala operativa di Roma fornendo la nuova posizione Gps. Ci hanno detto di chiamare Malta. Alle 13:10 abbiamo scritto email a Roma, Malta e Libia chiedendo di chi fosse il coordinamento. Abbiamo richiesto assistenza urgente. Le email verso Tripoli ci sono tornate indietro immediatamente. Malta ci ha confermato che verrà verso di noi».

Il silenzio libico

La situazione, però, non è ancora risolta: «Roma e Malta ci hanno istruito di contattare la guardia costiera di Tripoli come autorità competente» per il soccors, scrive su Twitter Alarm Phone. «Finora non abbiamo avuto alcuna risposta dalla Guardia costiera di Tripoli. Non possiamo nemmeno confermare che abbiano ricevuto il nostro messaggio. Stiamo chiamando tutti i numeri di telefono, finora senza successo».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − diciannove =