Batterio killer in ospedale: morti 4 neonati

La terribile tragedia è avvenuta nel reparto di Terapia intensiva neonatale dell’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento a Verona. Un batterio era annidato in un rubinetto dell’acqua utilizzata dal personale, si tratta del Citrobacter.

Secondo le conclusioni della commissione esterna, il Citrobacter avrebbe colonizzato il rubinetto probabilmente a causa di un mancato o parziale rispetto delle misure d’igiene; un altro errore potrebbe essere stato di ricorrere all’acqua del rubinetto e non ad acqua sterile.

I bambini colpiti dal batterio sono stati in tutto 96, quattro di questi, due maschietti e due femminucce non ce l’hanno fatta e sono morti dopo la nascita. Altri nove sono rimasti cerebrolesi. Le gravissime negligenze erano emerse grazie al controllo delle cartelle cliniche ma in seguito anche alle analisi su attrezzature, ambienti e impianti. La prima a denunciare l’accaduto era stata proprio la madre di uno dei neonati deceduti nell’ospedale veronese. Ultimamente la donna è anche stata sentita dagli inquirenti e ora sarà la Procura a dover individuare eventuali responsabilità.

Al momento l’intero reparto di Ostetricia – Punto nascite, Terapia intensiva neonatale e Terapia intensiva pediatrica – è stato riaperto, dopo che il 12 giugno scorso il direttore generale dell’Aou veronese, Francesco Cobello, ne aveva disposto la chiusura, procedendo alla totale sanificazione degli spazi.

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp