Infermiere positivo dopo il vaccino. La spiegazione di Pfizer

pfizer-vaccino

Dopo oltre una settimana dalla somministrazione del vaccino anti-Covid, un infermiere in California è risultato positivo.

L’azienda farmaceutica ha fatto sapere che “esaminerà tutte le informazioni disponibili su questo caso e tutti i rapporti di una diagnosi confermata dopo la vaccinazione”. “La persona potrebbe aver contratto la malattia prima o subito dopo la vaccinazione”, ha aggiunto Pfizer in una nota.

“Sulla base del nostro studio di Fase 3 sulla sicurezza e l’efficacia, il vaccino offre una certa protezione contro il Covid-19 entro circa dieci giorni dalla prima dose e si rafforza significativamente dopo la seconda dose, cosa che giustifica la necessità di una serie di vaccini a due dosi”, ha infatti detto il produttore.

Matthew W., 45 anni, infermiere di due diversi ospedali locali, ha detto in un post su Facebook il 18 dicembre di aver ricevuto il vaccino Pfizer. L’infermiere ha spiegato a ABC News di avere avuto dolore al braccio per un giorno senza altri effetti collaterali. Sei giorni dopo, la vigilia di Natale, si e’ ammalato dopo essere stato in servizio in un’unità Covid-19. Ha avuto brividi e in seguito ha sofferto di dolori muscolari e affaticamento. Secondo quanto riferito, è risultato positivo al Covid-19 il giorno di Santo Stefano.

Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − sette =